I monologhi di Carlo

O lo ami senza riserve. O lo odi profondamente. Non ci sono vie di mezzo. È questo l’effetto che hanno le parole di Carlo sulle persone che lo ascoltano, perché ti colpiscono duramente a livello umano ed emotivo. Se sei un quarantenne in crisi che ha bisogno di rimettersi in carreggiata, non puoi fare a meno di seguire Carlo D’Angiò e suoi monologhi.
Condividi questa pagina sul tuo Facebook

Blog: in quale fase del piano serve prevederlo

Il blog come strumento di business? Dipende se avete un piano a 3 fasi. Altrimenti non funziona. Ne parliamo qui in montagna.

L’amico bastardo del cagasotto

Un giorno un amico mi disse che non dovevo esaltare il singolo caso di successo rispetto a milioni di casi di fallimento.

I migliori prodotti da vendere online

Le persone continuano a commettere gli stessi errori di sempre, giorno dopo giorno. Eppure, la via del benessere è veramente alla portata di tutti.

Discorso sul seme

Perché hai così poco dalla vita in un mondo di grande abbondanza? Se decidi di rimanere fermo, non evolvi. E se non evolvi, muori.

Il tuo talento

Se sei un cesso, non sarà una crema per il viso a farti bello, così come non sarà l’alto costo di un seminario a renderti più erudito e consapevole.

Tira su la tua autostima

Basta vivere come i topi di fogna. Vieni fuori. Emergi. Vivi alla luce del sole. Tira su la tua autostima e comincia a fare le cose.

Il cambiamento è doloroso

Perché non riesco a cambiare? Perché sono pieno di debiti? Perché la mia vita fa schifo? Sono queste le domande più frequenti di chi vuole cambiare

Il valore di una consulenza skype

Quando mi chiedete se la telefonata su Skype (per offrire consulenza) può essere considerata una buona risorsa omaggio al fine di acquisire contatti.

E tu sei felice, perché funziona

Pago io. Posso farlo. E lo faccio e lo voglio fare e voglio continuare a farlo… ogni giorno, ogni settimana, ogni mese. Sempre.

Discorso sulla libertà

Possiamo guadagnare di più lavorando di meno. Possiamo recuperare tempo per stare con i nostri figli o per praticare l’arte del “dolce far niente”.