Sei sulla quarantina e stai seriamente pensando di cambiare lavoro, ma non senza aver prima trovato un modo intelligente e profittevole per farlo?

Come costruire un’attività di successo nel campo dei prodotti informativi e dei corsi online

e cambiare vita per sempre

(Anche se non sei ancora sicuro che questo possa essere il tuo business)

Se hai un’età compresa tra i 35 e i 45 anni, e stai cominciando a sentire sempre più spesso quella fastidiosa sensazione di peso allo stomaco dovuta al tuo lavoro, perché magari non ti piace o non ti soddisfa o semplicemente non ti rende felice, allora questo corso potrebbe essere proprio quello che stavi cercando.

Mi chiamo Carlo D’Angiò. Sono del ’73. Sposato con 3 figli e 2 cani. E vivo in Umbria con la mia splendida famiglia in un piccolo castello immerso nel verde nel centro storico di un incantevole borgo medievale.

Il mio reddito annuale è molto alto rispetto alla media. Ma non sono un milionario. Non ancora.

La mia vita è fantastica. Non timbro cartellini, non faccio il pendolare. Non passo le mie giornate a fare riunioni o a gestire persone e venditori. Non sono neanche quel tipo di imprenditore sempre impegnato con le banche e con la burocrazia del paese. Al contrario, mi alzo alle 11 ogni mattina. E comincio a lavorare nel primo pomeriggio solo dopo aver fatto la mia consueta passeggiata a piedi di 7 km in montagna.

Il mio ufficio? Cambia a seconda del mio umore o di quello che devo o voglio fare. A volte decido di stare in salotto. Altre volte sulla torre di casa. Altre volte ancora nel giardino, con i miei cani. Ogni tanto però mi siedo anche nel mio vero ufficio.

Devo essere sincero: se qualcuno 12 anni fa mi avesse detto “Carlo, fra una decina di anni la tua vita sarà bellissima e la vivrai in questo modo”, non gli avrei creduto. E probabilmente sarei stato ancora più scettico di quanto possa esserlo tu in questo momento.

Siamo talmente soggiogati dallo schema ipnotico tradizionale del devo lavorare 8/10 ore al giorno per portare a casa lo stipendio che qualsiasi altra soluzione semplicemente non ci appare credibile. Siamo diffidenti, sospettosi, abbiamo paura di allontanarci dalla nostra zona di comfort, e per questo facciamo sempre le stesse cose, pur lamentandoci dei risultati insoddisfacenti che queste cose ci procurano.

La mia vita è fantastica. Ma non è stata sempre così

Mi sono sposato a 19 anni. La mia prima figlia, Giovanna, è nata mentre sostenevo l’esame per la licenza liceale. Di giorno lavoravo sui cantieri con mio padre. La sera facevo il cameriere nel ristorante di mio suocero. E la notte aiutavo mia moglie a tenere la bambina (Giovanna ha pianto ininterrottamente tutte le notti per 365 giorni).

Era faticoso. E probabilmente non ci sarebbe stato tempo e spazio per altro. Ma l’idea di passare la mia vita in quelle condizioni non mi piaceva. Mi iscrissi a Giurisprudenza. Chiesi a mio padre di esonerarmi dal lavoro, almeno la mattina, per consentirmi di frequentare i corsi all’università.

Era sempre più faticoso. Ma studiare mi piaceva. E il sogno di diventare presto un professionista – e quindi costruirmi una vita più libera e dignitosa – era talmente forte e vivo in me da non farmi sentire la stanchezza.

Facevo tutto con grande energia e speranza. A 21 anni ero praticante in uno studio legale che si occupava di lavoro e previdenza sociale. A 23 anni sostenni e superai l’esame abilitante per esercitare la professione di Consulente del lavoro. A 24 avviai il mio studio professionale. Diedi persino una festa inaugurale con tanti invitati. Ci tenevo a far sapere a tutti che non ero più il cameriere delle pizze, ma un professionista. Vero.

All’inizio, credevo di aver raggiunto un traguardo, di essere arrivato finalmente alla meta. E per alcuni anni ho pedalato ancora più forte di prima, convinto di dover fare la giusta gavetta con i dovuti sacrifici per costruirmi una vita più felice e piena di significato.

L’iscrizione all’ordine, i mobili dell’ufficio, i collaboratori, i corsi di aggiornamento, i software, i computer… una caterva di debiti che mi ero accollato a cuor leggero, convinto di poterli smaltire in poco tempo. Prima o poi le cose andranno meglio, mi dicevo sempre tra me e me. Ma mi sbagliavo. Niente sarebbe mai cambiato. La mia vita come professionista in quel paese – Mondragone, dove ho vissuto per 43 anni – sarebbe stata come quella di molti: una continua finzione di qualcosa che non succede mai.

La mia fortuna è stata quella di essere il primo Consulente del lavoro di Mondragone. Non ce ne erano altri prima di me. Dopo di me, invece, e proprio grazie a me, molti miei collaboratori sono diventati consulenti del lavoro e hanno aperto un loro studio professionale.

Perché è stata una fortuna? Perché mi ha permesso di collaborare con quasi tutti i commercialisti e con molti avvocati del posto. Sto parlando di gente con 50 anni di professione alle spalle: vecchi avvocati, revisori contabili, ragionieri di una volta.

Ero diventato il loro più giovane amico e collega. Si andava spesso a cena insieme dopo le riunioni, e si parlava di affari, successi, delusioni, sacrifici e debiti. Ho fatto molta esperienza con quei vecchi marpioni, ma ho anche potuto osservare le loro vite da una posizione privilegiata.

La mia fortuna, dunque, è stata quella di vedere il mio futuro attraverso di loro, di capire cioè come sarebbe stata la mia vita dopo 30 anni di carriera e sacrifici in quel territorio. E quello che vedevo era terribilmente identico a ciò che già avevo. Nulla sarebbe mai veramente cambiato, tranne le apparenze. Dovevo solo prenderne atto in modo definitivo.

Ho cercato di resistere, di migliorare il mercato, di organizzare eventi e iniziative importanti. Sono stato persino presidente del sindacato dei consulenti del lavoro per 2 anni. Ho condotto decine di convegni con istituzioni pubbliche e politici di fama nazionale. Sempre perché ero convinto di poter scalare il mercato e diventare – prima o poi – un consulente importante e ben pagato.

Mi sono trascinato per 12 anni con grande forza di volontà. Ma la mia vita non cambiava. Anzi, peggiorava. In quei 12 anni di professione ho saltato regolarmente tutte le feste di compleanno dei miei figli. Non c’è stata una sera in cui sia stato possibile per me rientrare a casa per cena come un uomo o un marito o un padre normale, e guardarmi i cartoni animati con i ragazzi.

Perché lavoravo così tanto? Molti non sanno che il lavoro di un professionista, in un mercato così competitivo e sottopagato, è fatto di pubbliche relazioni. Devi lavorare tanto per conservare i clienti conquistati, ma anche per acquisirne di nuovi, perché tra quelli già conquistati, solo in pochi pagano regolarmente le parcelle. Gli altri sono quasi sempre insolventi, e vivono nello studio grazie a quelli che pagano. È la legge di Pareto. Io l’ho appresa sulla mia pelle. Su 100 clienti, 20 pagano e 80 no.

La conseguenza di questo meccanismo è che ti ritrovi dopo qualche anno con un carico di lavoro e di responsabilità enorme a fronte di un piccolo guadagno. In sostanza, molto fumo e poco arrosto.

Lo vedevo succedere nel mio studio ogni giorno. E lo sentivo raccontare dai miei colleghi anziani durante le nostre cene conviviali.

Insomma, con il passare del tempo mi rendevo conto che non sarebbe cambiato mai nulla, che l’impegno dei giovani professionisti era alimentato solo dalla speranza di un futuro che non sarebbe mai arrivato (e quindi dall’incoscienza), e che il cinismo di quelli più vecchi ed esperti non era altro che il frutto di un’abitudine al sacrificio, alle rinunce, a una vita fatta di apparenze.

Magari, per chi lavora in campagna o sui cantieri, il problema può essere visto da una prospettiva diversa. C’è chi si spacca la schiena per una paga veramente misera. Di che ti lamenti?

Ma un professionista ha studiato per fare quello che fa. E ha studiato tanto anche perché crede in una vita diversa. E quando ti accorgi che al di là della giacca e della cravatta, nulla è veramente cambiato, allora ti chiedi se abbia senso continuare con la finzione, oppure non sia più giusto provare a rimediare.

Per quello che mi riguarda, a 34 anni, nel 2007, ero veramente stanco di dover fare i conti ogni mese con i debiti, con le scadenze, con gli stipendi dei collaboratori. Il mio studio, il mio fiore all’occhiello, era solo una macchina costosa, una zavorra pesante che mi costringeva tutte le volte a rinunciare a una vacanza o a una gita al lago o a una serata in famiglia.

Sia chiaro: potevo andare avanti come avevano fatto tutti i miei colleghi e come avrebbero continuato a fare anche dopo. E se non avessi avuto delle alternative intelligenti, forse sarei ancora seduto alla mia vecchia scrivania alle 9 di sera a cercare di recuperare le mie parcelle insolute.

Ma in quegli anni si parlava molto di Google. C’era una pubblicità che diceva “Chiedilo a Google!”. Ed io decisi di farlo. Andai su Google alla ricerca di qualcosa di non meglio definito. Ricordo che usai svariate chiavi di ricerca: acquisire clienti, aumentare il fatturato, guadagnare di più. E ciascuna di queste chiavi restituiva una caterva di risultati interessanti. Si aprì un mondo sterminato, a me sconosciuto, ricco di informazioni preziose.

Quella sera divorai tutto quello che mi appariva sullo schermo: articoli, forum, blog, eBook. E compresi che il web poteva aiutarmi.

Il web ha cambiato la mia vita

Nel 2007 ho creato il mio primo prodotto di informazione, un eBook. Comprai un dominio, realizzai una pagina di vendita molto spartana. Scrissi una lettera di vendita e avviai una campagna con Google AdWords per vendere quel prodotto.

Hai presente il ciuccio in mezzo ai suoni? Ecco, io ero proprio come lui: spaesato, spaventato, confuso… Ma un pensiero semplice guidava le mie azioni in quel periodo: “perché no!?”.

Perché non farlo? Perché non provare?

A sentire gli amici, avrei dovuto lasciar perdere subito. A sentire loro, mi stavo facendo abbindolare dalle promesse di facili guadagni, da gente senza scrupoli il cui unico scopo era quello di vendermi qualcosa. Tieni i piedi per terra, mi dicevano con quell’espressione odiosa di chi crede di sapere come funziona la vita.

Ma nella mia testa continuava a girare quella vocina: “perché no!?”. Cosa ci perdo? Qualche centinaio di euro per il sito e le campagne? E che saranno mai rispetto agli oltre 150 mila euro di debiti che si erano accumulati negli anni per tenere uno studio professionale aperto al pubblico (non pagante)?

Riesci a comprendere il mio punto di vista?

E poi, quegli amici, quei parenti, quei finti consiglieri di una vita che loro non hanno, non avevano le informazioni che avevo io. Non avevano mai letto tutto quello che avevo letto io in quei giorni. Come avrebbero potuto comprendere, senza le giuste informazioni?

Ecco perché decisi di non farmi influenzare e di andare avanti a testa bassa. Lanciai la mia campagna. E quello che è successo dopo, a distanza di poche ore, è stata (ed è ancora nella mia mente) l’esperienza più bella, entusiasmante e avvincente che io abbia mai vissuto.

La mia vita è cambiata da quel giorno. Poche ore dopo il lancio cominciai a ricevere email di PayPal, le famose “notifiche di pagamento”. La gente stava comprando il mio eBook.

In 6 mesi avevo incassato più di quanto avessi mai realizzato con il mio studio professionale. In due anni, grazie al web e ai prodotti informativi, non soltanto avevo pagato tutti i miei debiti (nati con lo studio professionale), ma ero finalmente libero.

Le persone hanno bisogno di informazioni

Sono passati molti anni. Sono cambiate tante cose. Ma non è mai cambiato quel principio sul quale si basa la potenza dell’information business: le persone hanno bisogno di informazioni, e chiunque sia in grado di offrirle dispone di un potere economico e professionale immenso.

Per citare uno dei più grandi e premiati economisti del secolo scorso, John Kenneth Galbraith:

È stato il denaro ad alimentare la società industriale. Ma nella società dell’informatica, il combustibile, la forza motrice, è dato dalla conoscenza. Abbiamo sott’occhio una nuova struttura di classe: da un lato coloro che sono in possesso delle informazioni, e dall’altro quanti sono costretti ad agire in stato di ignoranza. E la nuova classe il suo potere non lo deriva dal denaro né dalla terra, bensì dalla conoscenza.

Nel 2014 ho avuto l’idea di raccogliere i miei studi e la mia esperienza sull’argomento e di farne un corso multimediale completo. Ho trascorso un paio di mesi a scrivere. Ero fortemente ispirato. E altri mesi ancora li ho dedicati alle video riprese, al montaggio e alla preparazione di un programma formativo che non soltanto fosse capace di insegnare alle persone a creare e vendere prodotti informativi in modo autonomo, ma che permettesse loro di avere tutto ciò che serve in un unico ambiente formativo.

Il mio scopo era quello di offrire alle persone una formazione completa, ma anche semplice e di facile applicazione pratica.

Così è nato il mio programma Phoenix. Il nome mi è stato ispirato dalla fenice, l’uccello mitologico che risorge dalle sue ceneri, perché quando ho sviluppato questo corso ho pensato ai quarantenni stanchi e insoddisfatti, a coloro che nonostante gli studi, l’università e l’obbedienza al sistema, si ritrovano oggi a combattere ogni giorno con un mercato (quello tradizionale) che non funziona o con paghe e retribuzioni al limite della povertà.

Come ho detto all’inizio, se hai un’età compresa tra i 35 e i 45 anni, e cominci a sentire sempre più spesso quella specie di peso sullo stomaco che ti fa dormire male e vivere peggio, perché il tuo lavoro non ti piace, non ti soddisfa, non ti fa stare sereno, be’ sappi che non sei costretto a trascinarti questa zavorra dell’infelicità per il resto dei tuoi giorni.

Oggi, più che mai, hai l’opportunità di sfruttare al meglio il mercato dell’informazione. Hai la possibilità di crearti un tuo business online con pochi soldi e portarlo a livelli incredibili.

Tutti ce la fanno? Sinceramente, no! In base alla mia esperienza, solo 10 su 100 ce la fanno. Ma con altrettanta sincerità, e sempre in base alla mia esperienza, quelli che non ce la fanno, neanche ci provano. Si limitano a frequentare un corso o anche più di uno, a lasciare commenti, a fare domande sotto le Facebook Live di autori vari, ma non mettono mai a terra un loro prodotto informativo o un video corso da vendere.

Per cui, la domanda giusta da fare sarebbe: “tra quelli che hanno sviluppato un corso o un prodotto informativo, quanti ce la fanno?”. Qui la risposta cambia. E diventa 80 su 100. Cioè, ogni 100 persone che, seguendo le mie lezioni e le mie strategie, riescono a sviluppare un prodotto o un corso da vendere online, 80 arrivano al successo, e quindi vendono i loro prodotti in modo automatico e incassano soldi a sufficienza per lasciare il loro vecchio lavoro e godersi la vita.

Sembra interessante? Bene, è il sistema esatto che insegno da oltre un decennio. E le decine di storie di successo che sono nate con me nel corso degli anni dimostrano che funziona. 

Francesco L’Erario

www.dentrolamusica.com

Phoenix Beginner: che cos’è e come funziona

Quando ti unisci al mio programma, avrai accesso a una serie di moduli progettati per offrirti tutto il necessario per creare il tuo business nel campo dei prodotti informativi e dei corsi online.

Questi moduli includono video, trascrizioni, fogli di lavoro e una sezione commenti per porre domande e interagire con i tuoi colleghi e con me.

Ecco una breve panoramica di questi moduli:

Definire le tue competenze e diventare un autore esperto e ben pagato

In questo modulo, costruirai le basi mentali per creare il tuo business online in modo più intelligente.

Per prima cosa scoprirai esattamente quali caratteristiche deve possedere un mercato per qualificarsi come una “buona opportunità”. Questo ti aiuta a non commettere errori nella scelta del tua nicchia di mercato.

Definirai le tue competenze spendibili. Troverai il tuo pubblico. E saprai esattamente cosa offrire e come offrirlo per entrare sul mercato e far crescere il tuo business.

Imparerai a pensare al marketing della formazione in modo diverso, saprai come muoverti per fare la differenza nel tuo settore.

Molti corsi si concentrano su tattiche rapide di lanci e vendite con lo scopo di fare liquidità immediata. Ma dopo poche settimane sei di nuovo al punto di partenza. In Phoenix, invece, impari le strategie che portano a un business redditizio, fattibile e sostenibile. Saprai creare membership, corsi di lunga durata, siti di abbonamento con pagamenti ricorrenti.

Ciò significa che puoi spendere di più per acquisire un cliente perché i tuoi clienti resteranno più a lungo. E ti pagheranno di più. Costruirai anche un’incredibile reputazione nel tempo e creerai una tribù fedele che rispetta e apprezza il lavoro che fai.

Potrai far crescere il lavoro che ami e avere lo stile di vita che hai sempre desiderato.

Progettare il tuo corso

Questo modulo ti permetterà di prendere i concetti chiave del modulo 1 e sviluppare un piano pratico con una strategie di business.

Ecco un piccolo assaggio di ciò che scoprirai in questo modulo:

  • Come prendere la tua conoscenza e confezionarla in un prodotto da vendere online
  • Come utilizzare nei tuoi corsi le conoscenze di altri esperti in materia 
  • Come trovare bisogni insoddisfatti nei mercati che ti appassionano
  • Perché una maggiore concorrenza è una buona cosa e può rendere più facile il tuo successo
  • Come posizionare il tuo corso in modo che sia desiderabile e diverso
  • I principi fondamentali per creare ambienti di apprendimento efficaci
  • Perché devi sempre vendere, anche dopo aver effettuato la vendita
  • E altro ancora …

Una volta che hai imparato come cercare il tuo mercato e posizionare il tuo corso, è tempo di decidere come ti verrà pagato.

Progettare corsi high ticket

Quando ho cominciato a realizzare profitti a 6 cifre con i miei corsi online, ho capito che avrei dovuto spiegare anche ai miei studenti l’enorme differenza che passa tra un corso e un corso high ticket  (ovvero, un corso ad alto costo per clienti alto spendenti).

Naturalmente, capire la differenza in termini descrittivi è semplice. Ciò che invece richiede più tempo affinché possa funzionare un business sui corsi high ticket è capire:

  • il pubblico giusto
  • il prodotto giusto
  • con la giusta strategia di prezzo, promozione e vendita

Realizzare un corso è un conto, farne uno che costa tanto e venderlo in modo automatico è qualcosa che va capito.

Ho creato un modulo ad hoc per insegnarti quello che c’è da sapere con i corsi high ticket. Sono diverse ore di formazione. Le trovi in Phoenix Beginner.

Video School

Sviluppare corsi di grande valore percepito significa mettersi davanti a una video camera o comunque realizzare prodotti audiovisivi. Significa lavorare con il copione, con le luci, con i montaggi, con le presentazioni e con le slide professionali. Significa acquisire delle abilità comunicative e tecniche che normalmente non vengono insegnate a scuola.

Ecco perché in Phoenix Beginner ho previsto una vera e propria video school con oltre 70 video lezioni già presenti dove ogni settimana vengono caricati nuovi tutorial e video sull’argomento.

Troverai ogni sorta di lezione, dal come stare davanti alla video camera a come creare trailer di grande impatto, dagli screencast al montaggio e così via. Non avrai bisogno di altro. Tutto quello che devi sapere su come realizzare video corsi lo trovi in Phoenix Beginner.

Funnel e processi di vendita

Ricerche di mercato, processi di vendita, pagine di destinazione, email marketing, gruppi Facebook… tutti i passaggi che devi compiere perché il tuo prodotto possa essere sempre venduto con matematica precisione.

Phoenix Beginner, infatti, ti permette di accedere anche al modulo «Marketing Funnel» e avere sottomano tutte le informazioni di cui hai bisogno per pianificare i tuoi lanci e agire con successo.

Imparerai ad acquisire contatti in modo scientifico e a trasformarli in clienti paganti.

Ma non è solo questo. È talmente ampia la mia libreria delle lezioni che non credo ci sia qualcosa di simile in Italia e nel mondo. Non lo dico per esagerare. Lo dico perché anche io compro e seguo corsi online. E non ho mai visto qualcosa di simile a Phoenix.

Ogni area didattica, dall’idea alle strategie agli strumenti e a tutto quello che serve, è ampiamente coperta con decine di lezioni, tutorial, PDF, MP3, dirette Facebook, Webinar etc.

C’è tanta roba. Non mi sono risparmiato su nulla. Un decennio di esperienze e di successi distillato in un programma senza pari dove tutto è organizzato perché tu possa seguire un percorso didattico preciso ed efficace.

Con Phoenix Beginner non hai bisogno di altro. Devi solo cominciare a studiare e poi mettere in pratica quello che impari.

Filippo Alosi

www.filippoalosi.com

Un programma di cui puoi fidarti per un’offerta che non puoi perderti

Phoenix ti insegna un sistema che funziona. E ti offre le istruzioni passo-passo per gestire ogni fase della creazione della tua attività di formazione online.

Inoltre, avrai accesso:

  • A svariati moduli aggiuntivi come Phoenix High Ticket Course, Marketing Funnel, Teleconferenze, Video School
  • Alla sezione commenti: potrai interagire con me e con i tuoi colleghi di corso su ogni lezione del programma
  • Domande e risposte personalizzate. Laddove una tua domanda non trovasse la sua risposta nelle lezioni, potrai rivolgermi le tue domande, anche via email, e ottenere risposte approfondite e su misura, scritte direttamente da me o registrate in video.

Tutto questo ti permetterà di costruire il tuo business online e ritagliarti la tua fetta di mercato in un momento storico estremamente propizio per i corsi online. Non farlo ora significa perdersi una miriade di buone occasioni per guadagnare di più e impiantare uno stile di vita più libero.

Le informazioni che trovi in Phoenix Beginner valgono migliaia di euro. Non soltanto per la qualità dei contenuti che avrai modo di studiare e apprendere, ma per il tempo che risparmi nel mettere ordine alle informazioni e alle strategie che dovrai usare per il tuo progetto di business.

Infatti, se provi a sommare tutto il tempo e gli sforzi che ti servirebbero per acquisire queste informazioni da fonti primarie e credibili, non ti basterebbero 1000 ore di studio per avere la conoscenza che ti offre Phoenix. E 1000 ore sono veramente poca roba rispetto a un decennio di esperienza che trovi in questo programma.

Quanto vale un’ora del tuo tempo? Decidilo tu. Ma quantunque valesse anche solo 15 euro, dovresti spendere almeno 15.000 € per acquisire le conoscenze contenute in Phoenix. Che è ancora molto meno di quanto la gente paga per un buon master o altra roba del genere.

Ma io non ti chiedo 15.000 €. E persino il prezzo ufficiale di Phoenix Beginner, che è di 1.500 €, oggi ti viene ridotto ulteriormente per consentirti di entrare nel mio programma. Il prezzo che trovi oggi per entrare nel mio programma Phoenix Beginner è di 997,00 €. Il che, non serve sottolinearlo, è davvero un buon affare.

Oltretutto, hai la possibilità di scegliere tra due opzioni di acquisto:

  1. Pagamento unico: accedi subito a tutto il corso senza alcuna restrizione
  2. Pagamento rateale (6 rate mensili da 197 €): le lezioni ti vengono rilasciate in modo graduale, settimana dopo settimana.

Per APPROFITTARE di questa imperdibile offerta e cominciare a costruire oggi il tuo business nel campo della formazione online, clicca su uno dei due pulsanti qui sotto e inserisci i tuoi dati nella pagina successiva.

Abbonamento mensile

Puoi scegliere Phoenix Beginner con abbonamento mensile da € 300,00 € 197,00 per 6 mesi. Avrai accesso graduale ai contenuti del corso.

Il pagamento avviene sui server sicuri di PayPal. Per questa opzione non sono ammessi altri sistemi di pagamento.

Pagamento Unico

Puoi scegliere Phoenix Beginner con pagamento unico da € 1.500,00 € 997,00. Avrai accesso immediato a tutti i contenuti del corso.

Puoi pagare con PayPal o con Bonifico bancario. Le coordinate per il bonifico ti appariranno in fase di checkout.

🏷 Se hai un coupon di sconto, puoi usarlo in fase di checkout

Domande Frequenti

Oltre al corso, c'è un supporto?

Con Phoenix Beginner puoi chiedere assistenza via email a staff.carlodangio@gmail.com o tramite commento in ogni singola lezione.

Per quanto tempo posso accedere al corso?

Per sempre.

Nel corso imparo anche a vendere il mio video corso?

Sì, nel corso trovi tutti i moduli che trattano questo argomento in modo esaustivo.

Dopo aver seguito il corso, in quanto tempo potrò realizzare il mio?

Realizzare un video corso non è un gioco da ragazzi. Probabilmente 6 mesi o anche un anno. Un po’ dipende dall’argomento e dalla profondità a cui vuoi giungere con le tue informazioni. Ma è ciò che fa la differenza. Devi imparare a fare questa cosa se vuoi guadagnare veramente bene. E per realizzarla devi prenderti il tempo che ci vuole. 

Considerando i miei impegni, serve molto tempo per seguire questo programma?

Le lezioni hanno una durata media di 10/15 minuti ciascuna. A volte un po’ di più. A volte un po’ di meno. Se segui una lezione al giorno, servono 10/15 minuti al giorno. Complessivamente, servono un paio d’ore a settimana, frazionabili in base alle tue esigenze. C’è anche una sezione dedicata alla teleconferenze che durano mediamente un’ora o due. In tal caso, se sei particolarmente impegnato per via del lavoro durante la settimana, puoi scegliere di seguirle nel week end.

Se non ho il tempo o le capacità di realizzare la parte tecnica, chi può farla per me?

Se non hai il tempo o le capacità, puoi sempre fare un upgrade a Phoenix Authority ed avere lo staff di Phoenix al tuo fianco per tutto il tempo. E a quel punto non solo avrai un supporto pieno, ma anche gli strumenti che servono ti vengono forniti dalla nostra repository, senza che tu debba spendere soldi per comprarli.